Vai al contenuto

Capita – Sucede

Capita di perdersi
mentre camminiamo per le vie della ragione

Capita di smarrirsi
mentre indossiamo la verità

Capita di trovarsi soli
mentre il nostro orizzonte finisce nel palazzo accanto

Capita di rabbuiarsi
mentre ci illuminiamo di neon

Capita di ritrovarsi
mentre balliamo con la follia

Capita di riabbracciarsi
mentre ci guardiamo dalla luna
 
Capita di rivedersi
mentre il fiume disegna i nostri occhi cantando

Capita di risplendere
mentre vediamo e sentiamo altre luci

Capita di vivere
mentre respiriamo ogni stagione

Capita di vivere
mentre sappiamo che siamo di passaggio

Capita.


Sucede que nos perdamos
mientras caminamos por las vías de la razón

Sucede que nos extraviamos
mientras nos vestimos con la verdad

Sucede que nos encontramos solos
mientras nuestro horizonte termina en el edificio de al lado

Sucede que nos oscurecemos
mientras nos iluminamos con neón

Sucede que nos reencontramos
mientras bailamos con nuestra locura

Sucede que nos re abrazamos
mientras nos miramos desde la luna

Sucede que nos volvemos a ver
mientras el río dibuja nuestra mirada cantando

Sucede que resplandecemos
mientras vemos y escuchamos otras luces

Sucede que vivimos
mientras respiramos cada temporada

Sucede que vivimos
mientras sabemos que estamos de paso

Sucede.


(Demostenes Uscamayta Ayvar – capita – sucede)

Nido

Il mio nido
sa dei tuoi Buongiorno
dei tuoi abbracci loquaci
delle nostre risate contagiose
delle feste interminabili
dei discorsi a bocca chiusa
delle parole scelte
dei pensieri coltivati
dei sogni condivisi
dei tuoi incoraggiamenti.
Il mio nido sa di volo
il mio volo sa di te
e tu mi sai di fiducia.

___________

Mi nido
sabe de tus buenos días
de tus abrazos locuaces
de nuestras risas contagiosas
de fiestas interminables
de discursos a boca cerrada
de palabras escogidas
de pensamientos cultivados
de sueños compartidos
de tu aliento.
Mi nido sabe a vuelo
mi vuelo sabe a ti
y tú me sabes a confianza.


(Demostenes Uscamayta Ayvar – Nido)

Il tuo abbraccio – Tu abrazo

Il tuo abbraccio
il tuo abbraccio mi completa
il tuo abbraccio è sentire la nostra musica
il tuo abbraccio è danzare a occhi chiusi
il tuo abbraccio è navigare col vento giusto
il tuo abbraccio è parlare attraverso i nostri battiti
il tuo abbraccio è camminare a piedi nudi sotto la luna
il tuo abbraccio è acqua, pane, aria
il tuo abbraccio è l’arcobaleno
il tuo abbraccio è il ponte più sicuro
il tuo abbraccio sono tutte le parole che vorrei sentire.


 

Tu abrazo
tu abrazo me completa
tu abrazo es escuchar nuestra música
tu abrazo es danzar con los ojos cerrados
tu abrazo es navegar con el viento justo
tu abrazo es hablar a través de nuestros latidos
tu abrazo es caminar descalzos bajo la luna
tu abrazo es agua, pan, aire
tu abrazo es el arcoiris
tu abrazo es el puente más seguro
tu abrazo son todas las palabras que quisiera escuchar.

  

Demostenes Uscamayta Ayvar

 

Buongiorno mamma – Buenos días mamá

Buongiorno mamma,
sto cercando di ricompormi piano piano.
So che rimarrò incompleto, ma so anche che mi completerò attraverso i tuoi insegnamenti.
Nel mio quotidiano cercherò di scegliere le parole e le azioni giuste,
cercherò di vedermi nell’altra persona, spero di riuscirci almeno qualche volta.
 
La tristezza, il dolore si stanno trasformando in luce,
e sí, se mi volto indietro,
mentre eri in vita ci siamo amati,
mentre eri in vita abbiamo riso, parlato, pianto, scherzato, viaggiato,
mentre eri in vita ti ho detto grazie, scusa, ti ho detto ‘ti voglio bene’.
 
Ogni tanto mentre sono a casa o al parco Pionta, che tanto ti piaceva,
ti trovo col tuo sorriso fra le mani e ci abbracciamo.
 

 
Buenos días mamá,
estoy tratando de recomponerme un poco a la vez.
Sé que permaneceré incompleto, pero también sé que me completaré a través de tus enseñanzas.
En mi vida diaria trataré de elegir las palabras y las acciones justas,
intentaré verme en la otra persona, espero poder hacerlo al menos alguna vez.
 
La tristeza, el dolor se van volviendo luz,
y sí, si miro hacia atrás,
mientras estabas viva nos amamos,
mientras estabas viva reímos, hablamos, lloramos, bromeamos, viajamos,
mientras estabas viva te dije gracias , perdón, te dije ‘te amo’.
 
De vez en cuando mientras estoy en casa o en el parque Pionta, que tanto te gustó,
te encuentro con tu sonrisa en tus manos y nos abrazamos

 

 

Demostenes Uscamayta Ayvar

 

Sembradora de esperanza

Eres
Sembradora de esperanza
tierna y dulce como el agua de un manantial
generosa y fuerte como solo la pachamama puede ser
alegre como la tinya del carnaval apurimeño
puente y abrigo de tu ayllu
Sumaq sonq’o, ves flores hasta en la lava volcánica. 

Erese
jemplo
pasión
fe
coraje
humildad
lucha
amor
madre, amiga, compañera, hermana, hija, abuela, tía, sobrina. Humana.
Eres Celia.
Eres luz en la luz
alegría en la sonrisa
caricia en el abrazo. 

Feliz día “sembradora de esperanza”.
Cada día es tu día
cada día es un día de esperanza, de vida, de sueños. 

Gracias por todas tus enseñanzas, por tu ejemplo,
nos enseñaste amar, amar a cada ser vivo y a nuestra pachamama.
Tupananchiskama mamá.

(Demostenes Uscamayta Ayvar – Sembradora de esperanza)

Mama-Celia_@_2

Ci sarà un perché – Habrá una razón

Grazie per esserci.
Il tuo vento più volte mi ha fatto arrivare nei vari porti,
il tuo abbraccio riempie di colore l’abbraccio,
le tue parole sono mappe,
il tuo sguardo aiuta a vedere e contemplare la bellezza,
le tue mani hanno la grazia del volo delle rondini
e la costanza di un giardiniere amoroso,
la tua sensibilità danza insieme all’altro.

Ci sarà un perché se i fiori e le querce ti chiamano sorella,
ci sarà un perché,
cosi come ci sarà un perché se i tuoi sogni aspettano te.


Gracias por estar aquí.
Tu viento me ha hecho llegar una y más veces a varios puertos
tu abrazo llena de color el abrazo,
tus palabras son mapas,
tu mirada ayuda a ver y contemplar la belleza,
tus manos tienen la gracia del vuelo de las golondrinas
y la constancia de un jardinero amoroso,
tu sensibilidad danza junto a otro.

Habrá una razón si las flores y los robles te llaman hermana,
habrá una razón,
así como habrá una razón si tus sueños esperan a ti misma.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Guardati – Mírate

Non fermarti, non arrenderti, non ora.
A volte le strade sono tortuose e in salita,
ripide come muri di vetro,
senza nessun appiglio,
respira forte,
ascolta e senti il verso del vento,
guarda, osserva, prenditi del tempo,
fai cantare la tua anima,
fai danzare i muscoli dei ricordi
e dei sogni,
lascia andare il superfluo,
lascia lavorare le lacrime,
respira forte,
scuoti il cuore,
ed ora riesci a vedere il vetro pieno di solchi.
Vai, scala, supera il muro, la montagna,
ma prima di arrivare in cima, fermati un secondo,
guarda il paesaggio, contempla il tuo percorso,
guardati,
sei grande quanto grande è la montagna che hai superato.


No te pares, no te rindas, no ahora.
A veces los caminos son sinuosos y cuesta arriba,
empinada como paredes de vidrio,
sin ningún agarre,
respira fuerte,
escucha y siente el verso del viento,
mira, observa, tómate tu tiempo,
haz cantar tu alma,
haz bailar los músculos de los recuerdos
y sueños,
deja ir lo superfluo,
deja trabajar las lágrimas,
respira fuerte,
sacude tu corazón,
y ahora puedes ver el vidrio lleno de ranuras.
Ve, escala, supera el muro, la montaña,
pero antes de llegar a la cima, detente un segundo,
mira el paisaje, contempla tu camino,
mírate,
eres tan grande como la montaña que has cruzado.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Fiore Mosaico

Riflessi – Reflejos

Ogni pioggia ha il suo ritmo, il suo canto, la sua preghiera.

Ogni albero ne è felice del suo dono,

ma più di tutto è grato perché riesce a vedersi nei riflessi delle pozzanghere sotto.

Riconoscersi per conoscere altri.

 


 

Cada lluvia tiene su propio ritmo, su canto, su oración.

Cada árbol está contento con su regalo,

pero sobre todo está agradecido porque puede verse en los reflejos de los charcos de abajo.

Reconocerte para conocer a los demás.

 

Demostenes Uscamayta Ayvar

 

La belleza

La bellezza ti trafigge
non si ha potere sulla bellezza.
Ha una propria lingua,
bisogna cercare di frequentarla,
sentirla, osservarla e parlarla.
Forse così avremo più occasioni di incontrarla.
La bellezza non suona alla porta
è già dentro.


La belleza te atraviesa
No hay poder sobre la belleza.
Tiene su propio idioma,
tienes que tratar de frecuentar,
escuchar, observar y hablar.
Tal vez así tendremos más oportunidades de conocerla.
La belleza no toca la puerta
Ya está adentro.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Un brindis

Vorrei un tramonto in piazza,
un sorriso complice,
un brindisi,
uno zaino,
rallentare il tempo,
guardare il cielo blu,
e cavalcare le nuvole bianche e grigie insieme.

_____________________________________

Quisiera una puesta de sol en la plaza,
una sonrisa cómplice
un brindis,
una mochila,
ralentizar el tiempo,
mirar el cielo azul
y cabalgar juntos las nubes blancas y grises.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Il tempo è il ponte della vita

Il tempo è il ponte della nostra vita.
Più ne siamo consapevoli più viviamo.


El tiempo es el puente de nuestra vida.
Cuanto más nos damos cuenta, más vivimos.

Demostenes Uscamayta Ayvar

tempoèvita

Se guardassimo di più i tramonti…

Se guardassimo di più i tramonti…
Se i buongiorno fossero più dei grugni
Se i “come stai” fossero più dei “che me ne frega”
Se andassimo più al cinema che in cucina a vedere la TV
Se ci facessimo una pasta “aglio, olio e peperoncino” alle tre di notte invece che dormire schiena schiena
Se frequentassimo di più i parchi, le piazze, le strade che i social
Se ci ubriacassimo di vino, anziché di selfie
Se coltivassimo di più il nostro basilico, invece delle nostre frustrazioni
Se ci guardassimo di più sotto la luce della luna, invece che in quella dei loghi
Se cestinassimo le cicche mentre andiamo alla manifestazione per l’ambiente
Se potessimo abbracciare le persone, invece che i nostri acquisti
Se potessimo conoscere il pozzo di San Patrizio, invece di rimanere nel nostro pozzo
Se potessimo riconoscere Clarisse McClellan in ogni persona
Se potessimo votare alle elezioni come votiamo i “Reality”
Se ci alimentassimo di bellezza… non permetteremmo leggi disumane
Se fossimo vivi dentro potremmo anche fiorire.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Tramonto

Fiorire – Florecer

Bisogna stare dove si può fiorire.


Debemos estar donde podamos florecer.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Fiorire_Demostenes Uscamayta Ayvar

Arcobaleno

L’arcobaleno credo voglia indicarci il presente.
Credo voglia dirci che la verità è una linea curva e multicolore.
Credo voglia dirci che in mezzo alla pioggia c’è sempre l’occasione di vedere la meraviglia della vita.


Creo que el arco iris quiere mostrarnos el presente.
Creo que quiere decirnos que la verdad es una línea curva y multicolor.
Creo que quiere decirnos que en medio a la lluvia hay siempre la oportunidad de ver la maravilla de la vida.

 

Demostenes Uscamayta Ayvar

 

Biblioteca Ariostea

C’è un posto magico a Ferrara
Ogni giorno un’orchestra suona l’autunno
Ci sono tante foglie dorate danzanti
Quanti libri parlanti
C’è un luogo magico a Ferrara. La biblioteca.


Hay un sitio mágico en Ferrara
Todos los días una orquesta toca el otoño
Hay tantas hojas doradas danzantes
Cuantos libros hablantes
Hay un lugar mágico en Ferrara. La biblioteca.

 

Demostenes Uscamayta Ayvar

Relazioni – Relaciones

Credo sempre di più alla pioggia che agli schemi,
al conflitto che al finto accordo,
al sudore delle mani che al profumo,
al buongiorno che al broncio.
Credo che le relazioni siano il verbo del vivere.


Creo siempre más en la lluvia que en los esquemas,
en el conflicto que en un falso acuerdo,
en el sudor de las manos que en un perfume,
en los buenos días que ponerse de hocicos.
Creo que las relaciones sean el verbo de la vida.

Demostenes Uscamayta Ayvar

Ferrara_DemostenesUscamaytaAyvar_5_©

Profezia – Profecía

Le profezie si avverano.
Se vuoi, andrà bene.
Se vuoi, andrà male.
Andrà sempre come vuoi tu.

.-.-.

Las profecías se hacen realidad.
Si quieres, irá bien.
Si quieres, irá mal.
Irá siempre como tu quieras.

Demostenes Uscamayta Ayvar.

 

Pace – Paz

Credo che la PACE sia una marcia quotidiana.
Parola dopo parola. Azione dopo azione.

-.-.-

Creo que la PAZ es una marcha cotidiana.
Palabra tras palabra. Acción tras acción.

Demostenes Uscamayta Ayvar

 

 

Immagine

Un fiore è già primavera

Tempo libero

Buongiorno #RadioConcreta oggi domenica proviamo a parlare di tempo libero.
Festivo non è sinonimo di tempo libero, estate non vuol dire felicità.
Durante la settimana le domande spesso sono, cosa facciamo nel fine settimana? E a inizio primavera, cosa facciamo d’estate? Capisco e non capisco queste domande, capisco la volontà di organizzare e concretizzare i desideri, viaggi, musei, letture, feste, riposo, visite agli amici e parenti, ma non capisco il peso specifico che si dà a questi intervalli di vita. La vita credo sia come un brano musicale, con note alte, basse e pause, impossibile scegliere solo una parte. Ho sempre pensato che OGNI GIORNO è IL GIORNO, per lavorare, nel senso di fare, per divertirsi, impegnarsi, per stare con gli altri, riposare, studiare, discutere, donare, ricevere, confrontarsi, conoscersi. Credo che lo stare bene sia un esercizio quotidiano, cosi come fa il musicista, il cuoco, l’equilibrista. Non si può delegare al sabato, alla domenica, ai festivi, alle ferie, il compito di redimerci, il tempo è tutti i giorni, il frutto del tempo dipende da come coltiviamo e curiamo il nostro tempo.
A volte si arriva alla pensione o a essere disoccupato per chiedersi: e ora cosa faccio, come vivo?
A volte solo la malattia o la morte ci fa pensare alla vita.

Non si può vivere solo nelle pause fra il produrre e non produrre. Eppure ci hanno fatto credere che il tempo libero sia una conquista, un baluardo del benessere, invece credo sia una fregatura, una vittoria dell’attuale sistema, tant’è che esiste e gode di buona salute l’industria del tempo libero e delle pause. Quando non produciamo, consumiamo. Non so cosa ne penserebbe al riguardo Seneca, lui che consigliava l’uso consapevole dell’otium.

Oggi vi propongo un brano di John Cage, il brano si chiama 4’33”.
Un modo per riflettere, capire, ascoltare e sentire tutto quello che succede in quel momento, credo che nella musica, cosi come nella vita le pause contino tanto quanto le note.

#JohnCage #433
#SegniConcreti